Modello Teorico

Il modello teorico di riferimento è rintracciabile nella tradizione psicoterapeutica sistemico relazionale con elementi di innovazione apportati da Valeria Ugazio con la “Teoria delle Polarità Semantiche familiari” che pone alla base del modello i processi di costruzione del significato non visto come una costruzione individuale ma come il risultato di uno scambio conversazionale a cui partecipano tutti i membri della famiglia così come ogni altro gruppo con una propria storia.

Nella costruzione del significato, gli individui definiscono la loro posizione e la loro soggettività con gli altri partner conversazionali. La conversazione è organizzata attraverso polarità di significati opposti presente in tutti i linguaggi, ad esempio un soggetto autonomo, indipendente e coraggioso non potrebbe definirsi o posizionarsi come tale se non ci fosse all’interno del suo contesto relazionale un altro individuo che occupi la posizione opposta di dipendente e/o timoroso. L’identità e il suo mantenimento dipendono da chi occupa nello stesso contesto posizioni opposte e complementari.

Nell’ottica sistemica ciò che assume particolare rilevanza nel lavoro clinico è l’osservazione del comportamento interattivo, il linguaggio del corpo spesso è più rilevante delle parole stesse e della storia narrata, così come ogni evento legato alla persona ed ogni comportamento ha un significato nella misura in cui viene contestualizzato. Il “soggetto contestuale” è un concetto introdotto da Bateson che offre una visone opposta alla premessa individualista che assume l’idea che la vera essenza dell’uomo si identifichi con qualcosa di “interno” e di separato da tutti gli altri uomini all’ “esterno”. Secondo Bateson i processi mentali sono costruiti nell’interazione.

I processi mentali e la conoscenza così come i pensieri e le emozioni si sviluppano nell’interazione e nel dialogo con l’altro. Ciò che contraddistingue l’approccio sistemico relazionale da altri è proprio l’idea del “soggetto contestuale”.

Chiamatelo clan, chiamatela rete sociale, chiamatela tribù, chiamatela famiglia. Comunque la chiamiate, chiunque siate, ne avete bisogno
Elizabeth Jane Howard
Contattami

Se le emozioni che proviamo ci impediscono di vivere come vorremmo, al punto da condizionare negativamente la nostra vita, è il momento di chiedere aiuto.







* Campi obbligatori

Contattami